Un dolce può aiutare a salvare il pianeta

con Nessun commento

Domenica 3 marzo la cena di gala Euro-Toques italia all’hotel Gallia di Milano ha messo in luce uno splendido gioco di squadra tra cinque chef che si sono alternati nella preparazione di altrettante portate con i fiocchi. Ultimo in ordine di apparizione, il nostro Franco Aliberti ha stregato gli ospiti con il dessert-capolavoro *Non è cioccolato*: un piccolo ecosistema composto con fernet, cioccolato bianco, pera e pepe. Al microfono, lo chef ha raccontato il significato simbolico di questo dolce in omaggio alla biodiversità. L’ultimo rapporto della FAO mette in guardia sulla progressiva scomparsa di specie e varietà di esseri viventi di cui saranno spettatrici le generazioni future. Ecco perché Aliberti ha sentito il bisogno di sensibilizzare gli invitati (e gli ospiti del Tre Cristi Milano che possono degustare questo gioiello di creatività) sulla tutela del patrimonio universale dal valore inestimabile.
Per Franco essere chef va al di là dei protagonismi e abbraccia una dimensione etica e sostenibile che parte dal farsi ambasciatore del territorio.