Ricetta del liquore zenzero e lime

con Nessun commento

Tra tutte le arti tramandateci dalle nostre care nonne, la pazienza è forse una delle più ardue da far aderire nell’animo. Ecco perché ho imparato che se si prospetta alla fine una ricca ricompensa è in parte più semplice imparare, nel corso del tempo, ad attendere con stoica tolleranza. La preparazione dei liquori è un saggio esempio di dolce attesa che ripaga infine con un nettare squisito, ancor più se lo si è preparato con le proprie mani.

Ci sono quei momenti della vita in cui, privati della totalità delle proprie forze, si sente la necessità di un aiutino che ci dia lo sprint per perseverare nelle proprie attività.

Personalmente, trovai la ricetta della carica liquida quando per la prima volta produssi il liquore zenzero e lime. Accadde difatti per puro caso, come spesso avviene per le cose migliori, e diede origine all’irrefrenabile desiderio di sperimentare e creare artigianalmente qualcosa che raramente si può trovare in commercio.

Vogliamo poi disquisire sulla soddisfazione (oltre alla sicurezza) di produrre qualcosa con le proprie mani?

Questa ricetta è pertanto dedicata a coloro che necessitano del guizzo di fine giornata, senza sentirsi in colpa dello sgarro perché lo zenzero è dotato di poteri antinfiammatori, antidolorifici, antiossidanti, digestivi e antibatterici.

INGREDIENTI:

  • 1 l Alcol 95°
  • 2/3 radici di zenzero fresco
  • la scorza di 1 lime
  • 1 l acqua
  • 650 gr zucchero di canna

Iniziamo col pelare lo zenzero e tagliarlo a listarelle. Non c’è bisogno di essere maniacalmente precisi ma vi raccomando di perdere qualche minuto in più per tagliarlo abbastanza fine, mantenendosi su circa mezzo centimetro di spessore. Vi lascio libera scelta tra due o tre radici di zenzero in base al grado di piccantezza che desiderate ottenere, in ogni caso siate pur certi che sarà piacevolmente piccantino senza scomodare la scala Scoville.

Ponete quindi le listarelle in un contenitore o una bottiglia a chiusura ermetica e aggiungete l’alcol. Ora sistemate il recipiente in un luogo asciutto e abbastanza fresco, ma soprattutto in una zona dove non sia soggetto a luce diretta per evitare il rischio di un repentino deterioramento del liquore.

Dimenticatevi parzialmente della piccola creatura: dovrete aspettare almeno (e sottolineo almeno) 3 settimane, meglio se un mese, agitando di tanto in tanto il prodotto.

Alla fine della macerazione procediamo con la preparazione dello sciroppo di zucchero: mettete su fiamma bassa un pentolino con lo zucchero e l’acqua sino a completo scioglimento dello zucchero. A questo punto aggiungete la scorza del lime e lasciate sobbollire un minuto. Togliete dal fuoco e attendete che raffreddi.

Filtrate nel mentre l’alcol dallo zenzero e unite con lo sciroppo di zucchero e lime. Imbottigliate il composto finale e attendete ancora un paio di giorni prima di iniziare a consumare il liquore (ben freddo!).

A cura di Monica Angeli, esperta di vini di Tre Cristi Milano

Photo by Hoach Le Dinh on Unsplash